Economia, libri

Il grande reset

Fonte: Italicum

  1. La pandemia si è rivelata una opportunità per realizzare le trasformazioni programmate dal Grande Reset. I soggetti protagonisti di tale trasformazione si identificano dunque con la global class dominante nell’attuale sistema neoliberista globalizzato. Ma quale sarà il destino delle istituzioni democratiche nella prefigurazione di un sistema marcatamente elitario?

Quella in atto è una trasformazione sostanziale dell’assetto politico dei vari Paesi su scala mondiale. Con la strumentalizzazione della dichiarata pandemia, la democrazia, già di fatto ridotta a un ruolo puramente formale e svuotata del suo valore sostanziale, cede in modo definitivo a una forma di governo dei popoli manifestamente autoritaria e basata su una gestione tecnocratica. Ne abbiamo avuto un esempio plastico proprio nel nostro Paese: prendendo a pretesto la presunta emergenza pandemica, è stato impedito al popolo di votare, dando vita a un governo capeggiato da un tecnocrate stimato dai mercati, che riunisce in un calderone unico tutte le forze politiche, senza più alcuna connotazione distintiva né forma di opposizione. Di fatto si tratta di eseguire un piano sovranazionale stabilito e condiviso dall’élite mondialista che non ammette rivendicazioni democratiche.

  1. Il Grande Reset consiste in una programmazione di investimenti nel digitale e nel campo ambientale elaborata dalle élites mondiali dell’economia e della finanza. Il neoliberismo quindi, rinnegando se stesso e le sue radici ideologiche illuministe e liberiste, non si evolve dunque secondo una logica oligarchica di pianificazione centralizzata dell’economia assai simile a quella dei regimi del defunto socialismo reale?

Il neoliberismo, nonostante l’inganno lessicale, di liberale ha davvero poco, se non la libertà di accesso al consumo tramite la rete. Come dichiarato da Klaus Schwab nel piano del Grande Reset, lo Stato attraverso la tecnologia eserciterà il potere e il controllo, garantendo l’ordine grazie all’intesa con i giganti aziendali, veri protagonisti nello scacchiere globale. Saranno loro a garantire un ordine mondiale, di concerto con attori istituzionali sovranazionali e facendo da raccordo tra gli Stati.

Il neoliberismo realmente esistente, a differenza di quello ideologico puro, non è favorevole come dichiara alla libertà dei mercati: esso, al contrario, promuove il predominio delle imprese giganti nell’ambito della vita pubblica.

Di fatto è l’evoluzione del sistema economico ordoliberista, in cui il mercato e la concorrenza sono pilastri imprescindibili, ma non la concorrenza astratta, accademica, che prevede la competizione di una moltitudine di operatori in un contesto di libero accesso al mercato; la partita si svolge tra pochi operatori, accumulatori di grandi capitali, che deflazionano il lavoro e si avvalgono di tecnologie sempre più invasive, in un mercato dove le istituzioni statali rappresentano i guardiani che decidono se il giocatore sia degno di entrare in campo oppure no. Ne deriva un mercato elitario, non accessibile a tutti, ma solo a chi ha il peso e il potere per farne parte, un club esclusivo per pochi eletti, che competono tramite rapporti di forza.

  1. L’automazione, genererà grandi mutamenti nei processi produttivi, con incrementi vorticosi di produttività, ma nel contempo, determinerà grandi decrementi occupazionali per masse di lavoratori. Il progresso tecnologico distrusse in passato alcune professioni, ma in seguito ne generò altre che avrebbero poi riassorbito la disoccupazione. Ma quali nuove forme di occupazione potranno crearsi con il Grande Reset, che è stata concepito proprio in funzione di una automazione dei processi produttivi polarizzata su ristrette e specifiche competenze di un numero assai esiguo di occupati?

Grazie alle “nuove abitudini” introdotte dalle norme restrittive e di confinamento sociale, si sta finalmente realizzando la tanto agognata Quarta Rivoluzione Industriale, incentrata su intelligenza artificiale e rete veloce. Non si tratta semplicemente dell’evoluzione e della fiducia nel progresso della tecnica, che da sempre caratterizza la storia umana, ma piuttosto di una sua deriva. Oggi siamo arrivati a concepire macchine in grado di svolgere le professioni più disparate, non solo quelle manuali ma anche attività concettuali e complesse, dall’assistenza sanitaria al giornalismo. Nelle precedenti rivoluzioni industriali le vecchie professioni sono state rimpiazzate dalla creazione di nuovi lavori, ma nella Quarta, che di industriale ha ben poco, non si profila l’attivazione di un processo compensativo per la creazione.

Nei documenti ufficiali del Grande Reset pubblicati sul sito del Forum di Davos si dichiara esplicitamente che gli attuali mercati rappresentano un ostacolo allo sviluppo dei nuovi, basati prevalentemente su intelligenza artificiale, farmaceutica, big data, green economy e finanza speculativa a essa collegata, nonché riqualificazione del personale. Quest’ultimo comparto prevede che il lavoratore provveda continuamente ad aggiornare e rivedere le sue competenze, con una pressione al cambiamento tale che la mente umana difficilmente potrà tollerare. In generale, a fronte di una desertificazione del tessuto produttivo che genererà milioni di nuovi disoccupati, i nuovi mercati sono per lo più a bassa intensità di capitale umano.

Ci troveremo ad affrontare il problema del senso di inutilità da parte di un’enorme nuova massa di disoccupati.

  1. La rivoluzione tecnologica del Grande Reset si tramuterà in un progetto di ingegneria sociale che coinvolgerà l’intera società. L’avvento dell’intelligenza artificiale potrebbe condurre ad una mutazione antropologica dell’uomo da essere sociale ad essere virtuale. L’innovazione, comportando nuove dipendenze tecnologiche, non potrebbe quindi generare, anziché il benessere e l’emancipazione, come nei secoli scorsi, una regressione generalizzata, oltre che delle condizioni economico – sociali, anche delle facoltà intellettive e creative dell’intera umanità?

Come afferma Klaus Schwab, il fondatore del Forum di Davos, la Quarta Rivoluzione Industriale e il potenziamento dell’intelligenza artificiale a essa associato cambieranno non solo ciò che facciamo ma anche ciò che siamo. Con la progressiva sostituzione delle relazioni personali con quelle virtuali e l’adozione della nuova normalità, indotta dalle restrizioni e dal confinamento, l’uomo sarà sempre più solo e la sua vita sempre più alienata dal contesto sociale. La connessione costante alla rete, lo smartworking come nuova modalità lavorativa, il telesport, la telemedicina e addirittura la teledidattica, lo porteranno a vivere in simbiosi con i dispositivi digitali, in un internet delle cose che collega tutto e rende ogni nostro gesto tracciabile. Non solo ogni azione avviene attraverso gli strumenti tecnologici, ma persino la nostra attività decisionale è demandata a un algoritmo, capace e autorizzato a scegliere al nostro posto in ogni sfera della nostra vita. Se da una parte questo porterà inevitabilmente a una regressione cognitiva e antropologica, alcuni dei cosiddetti visionari del nuovo mondo hanno già previsto come farvi fronte: con un’ibridazione uomo-macchina che permetterà all’intelligenza umana di espandersi di miliardi di volte. Uno scenario degno di un film distopico, da scongiurare in ogni modo, ma in linea con la visione del nuovo mondo.

  1. Nel mondo del post – COVID prefigurato da Klaus Schwab, si riproporranno i problemi di giustizia sociale, diseguaglianze e degrado ambientale già presenti nella fase pre – pandemica. Secondo Schwab il Grande Reset consisterebbe, oltre che in una rivoluzione economica e tecnologica, anche in una rigenerazione morale del sistema capitalista.  Ma non si comprende come le istanze keynesiane ed etico – morali di trasformazione della società, siano compatibili con il darwinismo sociale imposto dalla distruzione creativa. Non è inoltre assurdo che i protagonisti di questa rivoluzione siano proprio le oligarchie dominanti, già resesi responsabili del degrado morale e materiale in cui versa l’attuale mondo globalizzato?  

Decisamente lo è, ma siamo finiti nei tempi della dissonanza cognitiva eletta a verità, grazie a un lavoro sapiente e metodico di lavaggio del cervello e manipolazione delle masse che, attraverso la strumentalizzazione terroristica del Covid, ha raggiunto un livello inaudito. La popolazione, ipnotizzata dalla tv e dalla narrazione unica, è pronta a credere che 2+2=5 e a osannare chi lo sostiene. 

a cura di Luigi Tedeschi

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.