biblioteca, conferenza, convegno, Letteratura

La settimana all’Ariostea

lunedì 16 Maggio ore 17

LA GENESI DELL’ESISTENZA NELLA PROSPETTIVA VEDICA

Come la più antica tradizione religiosa ha espresso la genesi dell’esistenza della vita

Con Paolo Urizzi
Introduce e coordina Marcello Girone Daloli
Paolo Urizzi, introduce, attraverso l’esame di alcuni testi vedici, alle più antiche concezioni dell’umanità riguardanti la nascita dell’universo e la natura luminosa della coscienza che è alla base della nostra esperienza.
Gli incontri hanno un carattere filosofico-religioso e culturale, ma non confessionale e sono rivolti a chiunque desideri chiarire e approfondire insieme temi che riguardano la spiritualità e la ricerca interiore.
Paolo Urizzi (1951), arabista, esperto di sufismo e di induismo, autore di diversi saggi. Interessato alla Philosophia Perennis, ha fondato la rivista Perennia Verba e dirige la collana di testi del sufismo de Il Leone verde. Ha pubblicato la traduzione di un classico del sufismo antico, il Ta’arruf di Kalabadhi(“Il sufismo nelle parole degli Antichi”). Tiene Master sul sufismo e sulla mistica alla Scuola Superiore di Filosofia Orientale e Comparativa di Rimini.

Invito alla lettura Martedì 17 Maggio ore 17

JE SUIS ICI

Sogni, tormenti e segreti di Arthur Rimbaud in Africa (Genesi Editrice, 2015)

Di Sandro Tirini
Dialoga con l’autore Daniele Biancardi

“Nonostante tanto si sia scritto e detto di Arthur Rimbaud, forse non abbastanza si è approfondita la sua presenza in Africa che, con i suoi dieci anni e oltre di durata ha rappresentato il periodo di maggior stabilità che il poeta abbia vissuto. Mai aveva resistito tanto tempo in un solo luogo. Forse interessa approfondire come ha vissuto,cosa ha pensato, in cosa ha creduto, dopo aver rinunciato definitivamente alla poesia, poco prima di lasciare la Francia e per sempre, per dedicarsi a tutt’altro, per diventare un altro. E quello che ho cercato di raccontare. La mia lettura di Rimbaud comincia là dove finisce la sua Poesia. […] Narrare, attraverso le frequenti lettere che ripercorrono tutto il periodo africano, l’evoluzione della sua personalità, i propositi, le aspirazioni…” (note dell’autore)
Sandro Tirini, nasce a Cento, in provincia di Ferrara, laureato in ingegneria nucleare, ha lavorato al Cnen e all’Enea e nel campo della sicurezza dei reattori nucleari. Ha al suo attivo numerose pubblicazioni tecnico-scientifiche nel campo dell’attività professionale svolta.

Eventi Mercoledì 18 Maggio ore 17

LE COMMEDIE DI ARIOSTO

Omaggio a Ludovico Ariosto commediografo

Introduzione critico-letteraria di Claudio Cazzola
Letture drammatizzate del Gruppo teatrale “Ferrara Off”
Regia di Marco Sgarbi

È solo in anni relativamente recenti che si è cominciato a rivolgere alle commedie di Ariosto l’attenzione che meritano, anche per meglio delineare l’immagine della personalità artistica del grande autore, non dimenticando che la produzione di commedie per Ariosto non fu un lavoro giovanile da principiante, ma una attività che lo impegnò per più di un ventennio (dal 1508 al 1533). Egli compose e fece rappresentare nel teatro del Palazzo Ducale di Ferrara la Cassaria ed i Suppositi rispettivamente nel 1508 e nel 1509, anni in cui continuava a scrivere versi in volgare, a lavorare alla composizione dell’Orlando Furioso iniziata circa quattro anni prima e a fare qualche traduzione dal latino ad uso teatrale. Seguirono Il Negromante nel 1520 e La Lena nel 1528. Dalle commedie emerge un ritratto della Ferrara rinascimentale portato sulle scene non solo per divertire i Signori d el Ducato ma anche per denunciare una società che si avviava verso un degrado morale ed intellettuale.
In occasione dei Cinquecento anni dalla pubblicazione della edizione dell’Orlando furioso
A cura del Gruppo Scrittori Ferraresi
Con il patrocinio del Comitato Nazionale V Centenario dell’Orlando furioso – Mibact

Conferenze e Convegni Giovedì 19 Maggio ore 17

BUROCRAZIA

Per il ciclo “LE PAROLE DELLA DEMOCRAZIA”

Ne parla Giuseppe de Rita
Introduce Tiziano Tagliani, Sindaco di Ferrara

La conferenza seguirà questo schema: le tracce di presenze burocratiche nelle realtà politiche pre-statuali. La formazione dello Stato (e della sua sovranità) e il conseguente formarsi di strutture burocratiche: prima a supporto di particolari funzioni strategiche (esercito, diplomazia, fisco), poi a formare l’anima quotidiana della vita collettiva. La crescente centralità della burocrazia statuale negli ultimi due secoli, prima e dopo l’Unità politica risorgimentale, nella funzione “discendente” della trasmissione del comando e nella funzione “ascendente” dell’attenzione agli interessi dei cittadini (rappresentanza e federalismo). Le due tendenze che oggi ci travagliano; la sottile acquisizione di potere da parte della burocrazia (potere nudo, senza contenuti, centralità delle regole, ecc.) rispetto alla decisionalità politica; la forte riconquista del primato della politica rispetto a gli apparati burocratici (verticalizzazione delle decisioni, spoil-system, ecc.). Oggi in Italia sembra prevalente la seconda di tali tendenze, cioè il ritorno del primato della politica. Aspetti positivi (semplificazione decisionale) e aspetti negativi (svuotamento della stessa funzione della burocrazia) si intrecciano confusamente e va riportato un po’ di ordine.
Giuseppe De Rita è stato il fondatore e l’animatore del Censis. Inoltre, è autore di importanti saggi sulla condizione economica, sociale e civile del nostro Paese.
A cura di Istituto Gramsci di Ferrara e Istituto di Storia Contemporanea di Ferrara

Didattica Venerdì 20 Maggio ore 11

D.I.NUOVO

Riuso creativo con scarti in pvc di cantiere

Presentazione dei risultati del progetto BANNER,coordinato dall’Associazione di promozione sociale Awalé con la collaborazione degli istituti Dosso Dossi e IPSIA Moda di Ferrara e sostenuto da Coop Alleanza 3.0.
Il progetto nasce con l’obiettivo di promuovere la cultura del riuso, favorendo il contatto con i materiali di scarto, scoprendone le potenzialità creative.
Coop Estense ha messo a disposizione del progetto i banner che ricoprivano i cantieri degli ipermercati di Copparo e Argenta in territorio ferrarese, per il loro riutilizzo creativo all’interno di questo percorso di educazione al non spreco. Si tratta di ampie metrature di pvc colorato che si prestano ad elaborazioni e progettazioni molteplici ma che si vorrebbe avessero una ricaduta economica finale e portassero quindi alla realizzazione di manufatti commerciabili oltre che una presentazione sul territorio. Il progetto è stato molto articolato, completo dal punto di vista didattico, stimolante per le conoscenze acquisite, spendibile per un seguito. La collaborazione tra le due scuole, poi, è stata un’esperienza assolutamente positiva, sia per l’aspetto sociale che per una condivisione di competenze caratterizzanti le due diverse realtà scolastiche. Durante l’incontro saranno esposti una decina i prototipi realizzati dagli studenti.
A cura dell’Associazione di promozione sociale Awalé

Invito alla lettura Venerdì 20 Maggio ore 17

L’ODORE DEI TIGLI DI MAGGIO

(Al.ce. Editore, 2016)

Di Roberta Marrelli

Dialoga con l’autrice Erika Scarpante

Roberta Marrelli, a quatto anni dal Sisma che ha colpito l’Emilia, presenta “L’odore dei tigli di maggio”, libro che le ha dato grande soddisfazione e la cui prima tiratura è andata esaurita in breve tempo, in una nuova veste rieditata da Al.Ce. Editore. “Erano le quattro e zero quattro di domenica venti maggio quando un boato mai udito prima di allora mi strappò dal mio sonno. Era un rombo denso e largo che arrivava da lontano.” (tratto da “ Quattro e zero quattro” in “L’odore dei tigli di maggio”, Al.Ce. ed., Ferrara, 2016). L’Autrice, innamorata da sempre di Ferrara e fine conoscitrice della stessa, è profondamente legata a questo volume, come fosse un atto a non dimenticare e a prendersi cura quotidianamente di ciò che si ha: “La vita è strana. A volte vivere rifugiandosi nelle piccole cose, amarle e descriverle con gli occhi e il cuore innamorati non basta.&n bsp; Non è assoluto. A volte bisogna provare a morire per capire la vera essenza della vita.” (tratto da “Inizio” in op. cit.). “Non avrei permesso a quel mostro di vincere. Non gli avrei permesso di togliermi la mia vita. Di spegnere i miei sorrisi. Di sporcare l’arcobaleno che avevo nel cuore con i colori del buio e della morte. Avrei sconfitto le mie paure. Ora ne ero certa.” (tratto da “Antonio” in op. cit.)
Roberta Marrelli, attrice cinematografica di cui ricordiamo un importate ruolo in “Cento Chiodi” di Ermanno Olmi, già attrice di teatro dalla tenera età di otto anni. Il pubblico ferrarese ha avuto modo di conoscerla ed appurarne il talento nella ultime due edizioni di “Made In Fe” e in “Taci Nives” di cui è attrice e co-autrice. Scrittrice da sempre ha all’attivo sei pubblicazioni. Oltre a romanzi scrive e collabora a sceneggiature per il grande schermo. Con Al.Ce. Editore è alla sua prima ristampa.
A cura di Al.Ce Editore

 

Bambini e ragazzi Sabato 21 Maggio ore 10,30

STORIA DI BLU di Sandra Trambaioli Illustrata da Francesco Corli

Nell’ambito del progetto DiVerso cibo-Momenti di narrazione sull’alimentazione e la celiachia

Letture  a cura di Beatrice Saletti, Volontaria AIC
Saluto di Annalisa Feletti, Assessora alla Pubblica Istruzione del Comune di Ferrara

Spiegare la celiachia ai bambini, con chiarezza e leggerezza, si può: basta affidarsi a una farfalla!

È quello che accade con Storia di Blu, cambiare per tornare a volare, un’incantevole favola nata dalla fantasia della scrittrice Sandra Trambaioli e donata alla nostra associazione affinché la celiachia potesse essere spiegata anche ai piccoli, attraverso la magia dell’incontro tra una farfalla, un pesce e una fata. Grazie alle splendide illustrazioni di Francesco Corli, i personaggi hanno preso forma e colore, permettendo ai grandi e piccoli lettori di immergersi in un mondo fatato, in cui tutti i problemi si risolvono. Abbiamo unito parole e immagine, per realizzare un libro destinato a tutti coloro che desiderino far comprendere ai loro bambini come il disagio della malattia si possa superare con il cambiamento e l’impegno, per poi essere premiati dal piacere di avere l’energia e il sorriso per fare ciò che si ama. Il libro – i proventi della cui vendita saranno utilizzati per sostenere le attività dei nostri volontari – ha riscosso un successo tale da aver dato vita a due progetti di prossima realizzazione: uno spettacolo e una lettura animata unita a un laboratorio creativo, destinata alle biblioteche. (testo a cura di AIC)
Con il patrocinio dell’Assessorato alla Pubblica Istruzione del Comune di Ferrara in collaborazione con AIC- Associazione Italiana Celiachia -Emilia Romagna Onlus

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.