biblioteca, conferenza

Incontri alla biblioteca Ariostea

martedì 28 ottobre ore 17 – ANNIVERSARI

Piero Stefani – LIANA MILLU
A cent’anni dalla nascita: storia di una vita
Dialogo e letture di Magda Iazzetta e Piero Stefani
Canto Accademia Corale Vittore Veneziani
Viene ricostruita la vita della scrittrice e testimone genovese che portò per sessant’anni inciso sul suo braccio il n. A. 5384 di Auschwitz Birkenau.
In modo particolare si seguirà la genesi, dai primi abbozzi scritti appena uscita dal Lager alla stesura finale, di un racconto intitolato “Lily Marleen”. Il testo è contenuto nel suo libro più noto “Il fumo di Birkenau”. Il riferimento darà modo all’Accademia Corale Vittore Veneziani di eseguire la celebre canzone nella elaborazione scritta dal maestro Giordano Tunioli.
A cura di Istituto Gramsci di Ferrara e Istituto di Storia Contemporanea di Ferrara

» mercoledì 29 ottobre ore 17 – SOCIETÀ DANTE ALIGHIERI
– APERTURA ANNO SOCIALE DEL COMITATO FERRARESE
Dopo il saluto delle autorità cittadine e l’introduzione di Luisa Carrà Borgatti, Presidente del sodalizio, Pierluigi Ridolfi, Presidente dell’Associazione Amici dell’Accademia dei Lincei, colloquierà sul suo libro “Canti e poesie della Grande Guerra” (con prefazione di Carlo Azeglio Ciampi) con il critico letterario Pier Luigi Montanari.
Si tratta di un libro molto intenso, diviso in quattro parti: nella prima sono sintetizzati i quarantuno mesi di guerra, nella seconda sono raccolti i canti, la terza raccoglie un’antologia di poesie scritte da giovani che hanno vissuto la guerra ‘15-‘18. Infine, in appendice, sono contenute informazioni sull’organizzazione militare di quel periodo e alcune note di tipo geografico.
“Oggi, che con un sentimento di distratta condiscendenza, quando non di aperta contrarietà, si guarda da alcuni all’appuntamento del 2011, e al suo significato, “è cosa buona e giusta” riproporre, in ogni sua espressione, lo spirito degli ideali del Risorgimento. Sono ideali e valori ancora vivi. Sono incisi nel marmo, sul frontone del Vittoriano: “all’unità della Patria”, “alla libertà dei cittadini”. Essi sono a fondamento della Repubblica”. Carlo Azeglio Ciampi

» giovedì 30 ottobre ore 17 – LIBRI IN SCENA
NOME POSTUMO BUDDHISTA: ECCELSO IN ARTI GUERRIERE E SPECCHIO DI LETTERATURA. – CONSIDERAZIONI (DISSENZIENTI) SU MISHIMA YUKIO
Conversazione con Virginia Sica, docente di Storia e Letteratura Giapponese, Università di Milano
In occasione dello spettacolo “Mishima, L’angelo del nulla” nella Stagione di Danza 2014/2015 del Teatro Comunale “Claudio Abbado” di Ferrara
Negli ultimi cinquant’anni, l’editoria italiana di grande diffusione ha reso molto familiare il nome di Mishima Yukio (1925-1970), fra i massimi esponenti della letteratura giapponese moderna. Di Mishima è familiare finanche la tipologia di suicidio, perché clamorosa, intrigante, consona a una presunta coerenza ideologica; un suicidio che lo impose all’attenzione dei mass media, lo confinò a una sedicente e anacronistica ideologia nazionalista ispirata a destre politiche, e lo consegnò all’archetipo (esotico e abusato) di una razza di samurai impavidi. Persistere in questa lettura unidirezionale, a più di quarant’anni dalla sua morte, appare riduttivo: confonde la percezione di quanto vada annoverato fra le opere appieno rappresentative dello scrittore e immola la poliedricità dei temi (su tutti, la saggistica di natura estetica, ancora oggi misconosciuta), delle forme d’espressione artistica (come la produzione teatrale) e della continua ricerca stilistica, che ha caratteriz zato Mishima nel corso della sua prolifica carriera.
A cura dell’Associazione Amici della Biblioteca Ariostea e Teatro Comunale “Claudio Abbado” di Ferrara

» venerdì 31 ottobre ore 17 – COMPAGNIA DEL LIBRO
UN AUTUNNO DA “BRRRRR…IVIDO” – Mostri, fantasmi, zombie, licantropi, vampiri …
Introduzione di Alberto Amorelli
A partire da questo mese, La Compagnia del Libro propone un mini-ciclo di eventi dedicati all’Horror. Un genere della produzione letteraria fantastica dal taglio popolare, caratterizzato dalla rappresentazione di situazioni che provocano orrore e paura. Molto diffuso in letteratura fin dal XVIII secolo, il genere comprende tutte le storie nelle quali predominano il soprannaturale, il diverso, il bizzarro, il misterioso con il preciso scopo di provocare nello spettatore emozioni forti, a volte attraverso l’irruzione nella quotidianità di elementi irrazionali che portano a reazioni violente e a sviluppi drammatici.
– Si parte il 31 ottobre, la Notte di Halloween, con un evento dedicato all’Horror classico: preparatevi ad incontrare il “Frankenstein” di Mary Shelley, “Jekyl e Hyde” di Louis Stevenson, “Carmilla” di Sheridan LeFanu, le suggestioni di Edgar Allan Poe a altre icone della letteratura del brivido. Interverranno: Matteo Pazzi, Elisa Orlandini, Linda Morini, Sara Macchi e Alberto Amorelli.
– Si passerà poi all’Horror moderno, il 19 novembre, con Stephen King, Clive Barker e molti altri.
– Per finire, il 3 dicembre, avrà luogo un incontro speciale nel quale La Compagnia del Libro presenterà l’ultimo romanzo di Nicola Lombardi, scrittore horror nostrano.
A cura dell’Associazione Culturale Il Gruppo del Tasso di Ferrara
Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.