conferenza, libri

Rileggere Brancati

lunedì 19 maggio ore 17 – presso Biblioteca Ariostea (FE)

Fulvio Bernabei rilegge “PAOLO IL CALDO” DI VITALIANO BRANCATI – Coordina l’incontro Roberto Cassoli
Fulvio Bernabei – Colonnello della Guardia di Finanza per anni in servizio a Ferrara e ora assegnato a Pordenone – parlerà di uno dei romanzi più significativi di Vitaliano Brancati.
“Brancati è lo scrittore italiano che meglio ha rappresentato le due commedie italiane, del fascismo e dell’erotismo in rapporto tra loro e come a specchio di un paese in cui il rispetto della vita privata e delle idee di ciascuno e di tutti, il senso della libertà individuale, sono assolutamente ignoti.” (Leonardo Sciascia)
Paolo il caldo è un romanzo ambientato a Catania e a Roma a cavallo della seconda guerra mondiale e incentrato sulla tematica della passione alla quale si intreccia una lucida analisi del costume politico e culturale del dopoguerra.
La pubblicazione del romanzo, uscito nel 1955, un anno dopo la morte dell’autore, era stata autorizzata da Brancati in una nota scritta due giorni prima di morire, nella quale avvertiva che il libro era rimasto incompiuto degli ultimi due capitoli.
“Nel 1952, quando cominciò a scrivere Paolo il caldo, Brancati aveva 45 anni e almeno due romanzi di successo alle spalle, Don Giovanni in Sicilia e Il Bell’ Antonio, ritratti al tempo stesso affettuosi e implacabili, fantasticamente divertiti e amaramente satirici dei luoghi – la Sicilia orientale, Catania – dove aveva trascorso infanzia, adolescenza e prima giovinezza. […] Da un lato sembra che Brancati voglia strapparsi di dosso un’ immagine che gli va ormai stretta, che si senta pronto e in qualche modo chiamato a esercitare la sua vena satirica anche su altri soggetti, su altri ambienti; dall’ altro lo si direbbe assalito dall’ indifferibile bisogno di capire cosa sta succedendo nella sua vita, di affrontare quei rischi dell’ autobiografia che finora aveva tenuto a bada proiettandone con parsimonia alcuni frammenti nelle figure umoristiche distanziate dei suoi personaggi.” (Giovanni Raboni)
A cura di Istituto Gramsci di Ferrara e Istituto di Storia Contemporanea di Ferrara
Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.