fantascienza

Fantasy & Science Fiction n.3

Mercoledì 25 settembre esce nelle edicole italiane il terzo numero di Fantasy & Science Fiction, la rivista che sta conquistando fasce sempre più ampie del pubblico per la qualità delle opere presentate, appartenenti al meglio della fantascienza mondiale.
Nel terzo numero, spiccano due opere straordinarie, Exoteric City di Bruce Sterling, una storia straordinaria ambientata in quella Torino dove lo scrittore americano vive da tempo, e che mescola una serie di trovate pirotecniche con un’analisi spesso impietosa, assolutamente inconsueta, della realtà italiana. C’è un Inferno torinese nel quale tutto si incentra intorno a tre Padroni di una famiglia che tutti riconosceranno, c’è una mummia egizia saggia e petulante che consiglia un alto dirigente dello stesso gruppo automobilistico che condiziona e determina la vita di una Torino sorprendente… insomma, un gioiello di un grande autore, inconsueto e affascinante.
Il secondo autentico capolavoro è il classico che questa volta è il lungo racconto che Ugo Malaguti, e insieme a lui tanti grandi della fantascienza, a considerare da Ursula K. Le Guin, considerano il momento più alto dell’iconografia fantascientifica: lo struggente, emozionante, poetico, cristallino Alpha Ralpha Boulevard, dove è concentrato l’universo dei Signori del Grande Ausilio all’alba della Riscoperta dell’Uomo, il racconto che contiene tutto lo straordinario universo di Cordwainer Smith.
Ma non sono solo questi i gioielli di un numero la cui varietà di proposte è davvero eccezionale. C’è un racconto fantastico geniale di John Morressy, uno dei grandi del fantastico contemporaneo, Il matto, storia che produrrà emozioni forti nei lettori di palato più fine. C’è un racconto dello scrittore cinese Ken Liu, sorprendente visione della diversità culturale sullo sfondo drammatico della seconda guerra mondiale.
C’è un grande inedito di Jack Williamson, secco e sconvolgente nella piena maturità di un grande scrittore classico. C’è un insolitamente lungo editoriale del direttore Armando Corridore, e un altro dei gioiellini di Paul Di Filippo nell’ormai notissima sezione a lui dedicata. E ci sono le illustrazioni realizzate appositamente per l’edizione italiana dal grande Pollack… insomma, un appuntamento da non perdere.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.