editoria

Le chiocce d’oro

LE CHIOCCE D’ORO
Crisofauna e tesori animati nella terra delle eccellenze etrusche
di Daniela Braccini, Giovanni Spini, Enio Pecchioni

ISBN 978-88-96876-25-1

Le Chiocce d’oro sono tra le più diffuse e al contempo enigmatiche creazioni dell’immaginario popolare. Numerose leggende le vogliono nascoste in antichi sotterranei e custodite da sinistri guardiani: in molti avranno sentito parlare, da qualche anziano, di tesori del genere trovati nelle campagne e di fortunati che avrebbero ‘cambiato vita’ dopo la loro scoperta. Ma al di là delle comuni dicerie, in questi racconti esiste senz’altro un più complesso substrato simbolico, legato da un lato al mondo matriarcale e dall’altro a quello dell’oltretomba.
Per comprendere il valore antropologico delle Chiocce d’oro abbiamo ritenuto opportuno contestualizzarle nel variegato sistema della crisofauna: il mondo onirico di tutti quegli animali fatti d’oro e pur misteriosamente animati. Da tale prospettiva la narrazione delle singole leggende toscane, svolta minuziosamente dagli autori di questo libro, acquisterà una coerenza e una validità sorprendenti.

tra i luoghi e gli argomenti trattati:
PORSENNA E L’ESERCITO DEI PULCINI D’ORO
DALLA CAPPADOCIA AL CHIANTI
LA VOLPE D’ORO E IL MONDO ETRUSCO
I SOTTERRANEI DI SAN RABANO
LA MULA D’ORO DI SESTO FIORENTINO
LA GROTTA DEL RIELLO E I VAPORI DEL BULICAME
IL RAGNO D’ORO
LA BIFOLCATA E IL VITELLO D’ORO
IL GRUGNO DORATO DEL PORCELLINO DI FIRENZE
DRAGUT E LA CHIOCCIA DELL’ELBA
(…)
§§§
Altre novità disponibili sul nostro sito:
Non tutti sanno che le strade che percorriamo ogni giorno, nel centro della città come nelle sue periferie, sono state determinate da antichissimi tracciati e spartizioni del territorio rurale, mantenendone le geometrie e le logiche funzionali. E’ questo il caso del territorio dell’antica Florentia e della sua centuriazione, determinata in epoca romana e parzialmente ricalcata nei secoli successivi.
Nonostante il suo utilizzo nei titoli e nelle copertine di molti libri, la Spada nella roccia di San Galgano viene generalmente relegata ad appendice della figura del cavaliere, e non è utilizzata come chiave di lettura capace di produrre verità storiche, quanto piuttosto mitico-leggendarie.
Ma al di là degli aspetti simbolici riteniamo che, analizzando la storia di un oggetto eminentemente reale, sia possibile produrre ipotesi concrete sul suo stesso proprietario, quel Galgano sul quale è stato scritto un po’ di tutto basandosi talvolta su premesse sin troppo scontate o, al contrario, sin troppo fantasiose.
Per i contovendita potete contattarci a questa email.

 

Mediaframe
via Cittadella, 9
50144 Firenze
Tel. 055 5270258 – 320 0844343

e su facebook: gruppo “Press & Archeos”

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.